lunes, junio 17

Dai Dairy Daddies ai Trash Pandas: come il branding crea fan per le squadre di baseball di lega inferiore

Forse l’hai visto.

Forse il suo sguardo di traverso e i suoi penetranti occhi azzurri hanno attraversato la tua sequenza temporale. Il suo sorriso potrebbe essere su tutto il tuo TikTok. Se segui il baseball o se il tuo algoritmo ha deciso che ti piace il bestiame, potresti aver incontrato McCreamy, la muscolosa mascotte dei Danville Dairy Daddies.

Il toro muscoloso con un naso rosa brillante indossa blue jeans e una fibbia della cintura «DD» ma senza maglietta, appoggiando uno zoccolo sul fianco mentre l’altro poggia contro un pipistrello in piedi ai suoi piedi. La sua presentazione è diventata virale, fornendo un livello di esposizione solitamente non visto per una squadra di baseball estiva collegiale di una città della Virginia senza personalità giuridica di 42.000 persone nella regionale Old North State League.

Ma questo non è stato un caso. I Danville Dairy Daddies sapevano esattamente cosa stavano facendo.

C’è una storia dietro il loro nome, un processo di pensiero dietro la tavolozza dei colori e un designer pluripremiato dietro il loro logo. Questo è il caso di molti dei nomi di squadre eccentriche che hanno riempito le leghe minori e le leghe estive collegiali negli ultimi anni. La magia sta nelle peculiarità che legano i club alle loro comunità. Il divertimento deriva dagli ammiccamenti, dai cenni e dalle uova di Pasqua che le squadre incorporano nel loro marchio per dire alla gente del posto: «Ehi, sappiamo cosa rende speciale questa città e lo stiamo leggendo».

In parte è così che un toro in topless è arrivato a rappresentare una squadra nella contea di Pittsylvania, che vanta tre dei cinque più grandi allevamenti lattiero-caseari della Virginia. Il soprannome di Dairy Daddies è stato inizialmente suggerito al direttore generale Austin Scher come potenziale nome per la prima squadra estiva collegiale di Danville, gli Otterbots, nel 2021. Nel corso dei tre anni successivi, l’allitterazione rimase impressa nel cervello di Scher e quando venne a conoscenza del collegamento locale , non si poteva negare la divinazione dei Dairy Daddies e del loro uomo principale McCreamy.

«Anche se è bizzarro, sciocco e un po’ ironico, c’è una connessione comunitaria molto reale», ha detto Scher. “Il blu e il rosa sono pensati per suscitare sentimenti di novità, di nascita, di rinascita. Vedi questi due colori insieme e potresti pensare a una festa per la rivelazione del genere o a un asilo nido. Poi guardi questa mucca muscolosa e pensi: «Beh, non è un bambino». Questo è molto maturo.’ Danville e tutta la Virginia meridionale sono nel mezzo di questa massiccia rinascita”.

Ogni componente di McCreamy trasmette una caratteristica della sua comunità. Paul Caputo, conduttore del podcast “Baseball by Design”, che esplora le storie di origine dei soprannomi delle leghe minori, vede la stessa qualità nei nomi delle squadre di tutto il paese.

«Puoi raccontare la storia dell’America capendo perché le squadre di baseball delle leghe minori hanno i nomi che hanno», ha detto.

I Dairy Daddies sono solo gli ultimi di una lunga serie di squadre di baseball di serie inferiore che si sottraggono ai nomi tradizionali in favore di identità più accattivanti. Individuare le origini di questa tendenza è difficile – si potrebbe farla risalire alla fine del 1800, quando a Pensacola, in Florida, esisteva una squadra chiamata Dudes – ma il recente emergere della stupidità deriva in parte dal ridimensionamento della Major League Baseball. le leghe minori affiliate da 163 squadre a 120. Quarantatré franchigie hanno perso la loro affiliazione nel 2020. Molte di queste squadre hanno giocato con gli stessi nomi dei loro ex club genitori della MLB e hanno dovuto rinominare. Ex squadre della rookie league come i Burlington (NC) Royals e i Pulaski (Va.) Yankees riemersero come Sock Puppets e River Turtles per giocare a balli estivi collegiali nella Appalachian League.

Anche le squadre che hanno mantenuto le loro affiliazioni alla MLB sono saltate sul treno dei nomi funky con la speranza di rinvigorire i loro marchi. Scegli quasi tutti i campionati, a qualsiasi livello, e c’è un soprannome o un logo che ti farà fermare a bocca aperta. I tacchini disco della Carolina. I biscotti Montgomery (Ala.) (ex Orlando Rays). Gli Hot Tots di Minot (ND). The Rocket City (Ala.) Trash Pandas (ex Mobile BayBears). I Wichita Chili Buns (un’identità alternativa del Wichita Wind Surge).

Senza la costante copertura mediatica e il flusso di cassa di cui godono le organizzazioni MLB, le squadre di lega inferiore devono essere creative per suscitare coinvolgimento, aumentare l’esposizione e mantenere a galla le loro franchigie.

«Vedo foto di persone che visitano la Torre Eiffel e il Taj Mahal e indossano magliette dei Trash Pandas quando lo fanno», ha detto il direttore del marketing di Rocket City Ricky Fernandez. “Mi lascia a bocca aperta che qualcuno dica: ‘Oggi andiamo alla Torre Eiffel! Sarà meglio che mi metta la mia maglietta da astronauta procione più bella così posso scattare un selfie!

Anche con una connessione locale, un nome insolito può richiedere del tempo per essere accettato. Prendi i gamberetti jumbo di Jacksonville. L’affiliata Triple-A dei Miami Marlins ha giocato con i Suns dal 1990 al 2016, quando è subentrata una nuova proprietà. Anche se il nuovo nome della squadra ha un legame con l’industria locale dei gamberetti, il pubblico non è stato immediatamente convinto. Noel Blaha, vicepresidente marketing e media di Jacksonville, ha detto che l’antipatia era prevista e hanno pianificato la rivelazione di conseguenza.

«Abbiamo avuto di proposito alcuni bambini delle scuole elementari in prima fila nella conferenza stampa perché se le cose fossero andate male e la gente avesse lanciato pomodori, non avrebbero inseguito i bambini», ha detto.

Tuttavia, qualcuno ha avviato una petizione online per cambiare nuovamente il nome in Suns. Cinquemila persone hanno firmato in due ore.

“Abbiamo ricevuto post arrabbiati su Facebook. Abbiamo ricevuto alcune e-mail molto offensive», ha detto Blaha. «La gente era incazzata, a bruciapelo.»

Ma lentamente, la situazione cambiò.

«Il risultato è stato un’incredibile vendita di merce nei mesi precedenti l’inizio della stagione, poi la stagione è iniziata e abbiamo stabilito un record di presenze quel fine settimana», ha detto.

I DubSea (Wash.) Fish Sticks (in precedenza Highline Bears) hanno sperimentato lo stesso rifiuto trasformato in rinascita dopo che la loro nuova identità ha vinto un sondaggio online che contrapponeva Fish Sticks e Seal Slingers come le due opzioni per il nome della squadra.

“Non ho avuto nessuno che si arrabbiasse per il nome Highline Bears. Inoltre, nessuna persona ne è rimasta entusiasta», ha affermato il presidente del team Justin Moser. “Prima del rebranding, non credo che avessimo mai venduto nulla online. Forse una o due magliette come gli Highline Bears.»

Nonostante i commenti sui social media abbiano definito il nuovo nome stupido e “una vergogna per la zona”, da allora i Fish Sticks hanno spedito ordini in tutti i 50 stati e nove paesi. Hanno registrato cinque tutto esaurito la scorsa estate e hanno annunciato che l’apertura della stagione del 1° giugno sarebbe andata esaurita il 23 aprile.

Al giorno d’oggi, i team che non diventano creativi con il branding possono sembrare un po’ stantii, ha detto Caputo.

«Avere il nome di un animale locale sembra proprio anni ’90», ha aggiunto. «Sembra vecchio.»

È qui che entrano in gioco le società di branding sportivo. Nello spazio del baseball delle leghe minori, ci sono due grandi battitori responsabili della maggior parte dei nuovi, appariscenti soprannomi: Brandiose e Studio Simon. I membri dello staff del team lavorano con i designer per elaborare un’identità legata alla storia locale, alle industrie, alla cucina, ai punti di riferimento naturali o alle tradizioni.

«Ogni comunità ha una storia in attesa di essere raccontata, e l’obiettivo è che quando visiti un’esperienza sportiva, in particolare nel baseball delle leghe minori, vogliamo che tu entri in un mondo completamente diverso», ha detto il co-fondatore di Brandiose Jason Klein. “Vogliamo che tu entri in una storia, una vacanza da nove inning come la chiamiamo noi. Ma quella storia è la storia della tua città natale.

Ad ancorare la storia di ogni squadra è il suo logo, il personaggio principale della narrazione. Il GM di Amarillo Sod Poodles Tony Ensor sapeva che inchiodare il logo della sua squadra della Texas League sarebbe stato la chiave per conquistare gli oppositori, quindi è andato da Brandiose con istruzioni dettagliate.

«Voglio che la bocca sia John Wayne», ha detto del animato cane della prateria dalla coda nera, «e gli occhi siano Clint Eastwood».

Scher, il direttore generale di Dairy Daddies, aveva richieste altrettanto specifiche per il direttore creativo dello Studio Simon, Dan Simon, quando ha modellato McCreamy. Simon immaginava che il toro festeggiasse il matrimonio del papà. La risposta è stata un rapido “no”.

“Lo volevano costruito ma non costruito da Arnold Schwarzenegger. È messo a punto», ha detto Simon. “Questa mucca sarebbe stata una specie di donnaiolo. Oppure, in questo caso, una mucca maschio è un toro. «Quindi è un uomo da mucca.»

Parzialmente ispirato a McDreamy, il chirurgo interpretato da Patrick Dempsey in “Grey’s Anatomy”, McCreamy incarna anche lo spirito di un altro amato personaggio televisivo. Simon vede il toro vantarsi del carisma di Joey Tribbiani di «Friends» con un’espressione facciale che sembra chiedere: «Come va?»

Questi personaggi provocanti, stravaganti e felici subiscono qualche contraccolpo per essersi discostati dai loghi tradizionali o per essere tattiche kitsch intese a vendere magliette. Ma Simon, Klein e le squadre che giocano con orgoglio come Sock Puppets, Trash Pandas e Sod Poodles scrollano di dosso questa idea.

«Gli appassionati di sport andranno comunque alle partite», ha detto Simon. “Queste identità attirano persone che altrimenti non verrebbero e, si spera, quando arrivano, dicono: ‘Ehi, è stato divertente! «Verrò di nuovo!» Non è che li hai attirati con false pretese. Non è affatto così. Baseball della lega minore e della lega estiva collegiale, è divertente! È divertente andare a quelle partite, quindi porti nuovi fan e ne hai creati di nuovi che, si spera, ritorneranno.

Anche i giocatori, siano essi atleti universitari che cercano di entrare nei radar degli scout o leghisti minori assegnati ai club dalle loro organizzazioni MLB, beneficiano della maggiore visibilità e del pubblico coinvolto.

«Ho sentito da diversi giocatori che è come un piccolo assaggio delle major prima di arrivare effettivamente allo spettacolo», ha detto Fernandez dei Trash Pandas. “La vecchia squadra che avevamo prima che si trasferissero, contava circa 200, 300 persone a partita. Era un po’ triste essere ad una partita perché c’erano così tanti posti vuoti. Qui abbiamo guidato il campionato in termini di presenze ogni singola stagione. “Abbiamo una media di 5.000 persone a notte”.

L’interbase titolare dei Los Angeles Angels Zach Neto, che ha giocato 37 partite per la Rocket City (con sede a Madison, Ala.) nel suo percorso verso le major, si è fatto realizzare un paio di tacchetti Trash Panda personalizzati e ha detto che continua a spaccare il merchandising della squadra.

«Dobbiamo suonare lì in un’atmosfera fantastica ogni sera», ha detto. «Ancora oggi mi considero un Trash Panda.»

Anche i ragazzi del college lo sentono. Il catcher dell’East Carolina Ryan McCrystal, che ha trascorso le ultime due estati come Burlington Sock Puppet, ha detto che la comunità del North Carolina ha abbracciato tutti i giocatori ma ha ammesso che può volerci un po’ di sforzo per convincere amici e parenti che stai giocando per una vera squadra .

“Pensano che sia uno scherzo, ma penso che sia davvero bello perché è più facile stringersi attorno a una squadra con quel tipo di nome. È più facile costruire una comunità attorno al nome di una squadra che sia qualcosa che unisce le persone», ha detto.

“È l’unico sport che puoi davvero praticare dove ha senso. «È qualcosa di piccolo ma bello nel gioco.»

Deja una respuesta